Una zona della Toscana ricca di attrattive storiche e naturalistiche

Una zona della Toscana ricca di attrattive storiche e naturalistiche

Scopri il territorioe realizza il tuo sogno: un appartamento in un rustico del '700 completamente ristrutturato e rimodernato

Il territorio

L'antico borgo medievale di Campiglia Marittima dalla sua collina domina il mare e la campagna circostante. E'uno dei borghi storici più belli della Costa degli Etruschi. La splendida posizione panoramica e la vicinanza alle spiaggie libere dei parchi naturali di Rimigliano e Sterpaia rendono la struttura unica nel contesto della val di Cornia. Ideale sia per chi ama rilassarsi nel verde, sia per chi ama vivere anche il mare e la vitalità del borgo, esplorando le incantevoli località della zona.

I profumi della macchia mediterranea giungono improvvisi con un battito di vento, un nuovo sentiero porta a scoprire panorami incredibili, il mare stupisce con i suoi azzurri sempre diversi, una libecciata fa conoscere e amare un mare nuovo e affascinante… L’incantevole estate, di giorno, si veste di turchese e azzurro, la sera vive di colori vivaci dei suoni allegri delle strade, delle piazze e dei negozi. A Campiglia si respira la voglia di cogliere l'attimo e godere appieno la tanto desiderata vacanza.

A pochi chilometri da Casa Pelizzari ci si può rilassare nelle terme di Calidario, già conosciute in epoca romana ed etrusca, oggi sede di un bellissimo centro benessere. Qui ci si può immergere nell'antica vasca naturale a 36 gradi e sfruttare tutte le più moderne tecniche di benessere.

In questa terra dalle tradizioni antichissime, nel cuore della Val di Cornia, sono presenti suggestive testimonianze delle civiltà etrusca, romana e medievale. I Forni fusori di Val Fucinaia, il Parco Archeominerario di San Silvestro e le miniere del Temperino possono essere il contesto ideale per fare un salto nel passato, alla scoperta dell'antica lavorazione del ferro, o per addentrarsi nelle antiche miniere con splendide visite guidate.

Tra gli uliveti e le vigne circostanti si snoda la Strada del Vino della Costa degli Etruschi, culla della pregiata DOC Val di Cornia. Sono molteplici le fattorie e le aziende agricole produttrici dell'ottimo olio extravergine di oliva locale e di vino rosso e bianco di altissimo pregio. Oltre a splendide giornate di mare, riposo e degustazioni gastronomiche, ci si può divertire partecipando alle rievocazioni storiche, ai concerti e alle rappresentazione teatrali, che tutto l'anno danno vita a splendide serate di arte, cultura e folclore.

Tra le tante manifestazioni le più importanti sono la Giornata Storica del mese di maggio. Lo spettacolo coinvolge tutto il borgo di Campiglia, che si anima con scene di antica vita quotidiana con personaggi in costume d'epoca e rievocazioni di lavorazioni artigiane perse nella memoria dei tempi. Da non perdere, in agosto, gli eventi di "ABC Festival APRITI BORGO", una grandiosa manifestazione di musica, balli e spettacoli che si protrae per più giorni e che raccoglie spettatori da tutto il mondo.

Campiglia è anche ideale punto di partenza per percorsi, a piedi e in mountain bike, nel verde delle colline e dei boschi circostanti. Per chi vuole passare qualche giornata in barca, si può visitare il parco nazionale dell'arcipelago toscano.


Populonia e Baratti

Populonia, unica città etrusca sul mare, fu il più grande centro del Mediterraneo specializzato nella fusione del ferro ottenuto dai minerali estratti dalla vicina Isola d'Elba. La città, adagiata sulla collina, dominava il mare. Qui sono ben visibili sono i resti dell'antica urbe e le successive mura medievali a difesa dai pirati barbareschi.

All'interno delle mura esiste un piccolo e caratteristico borgo costellato di caratteristici ed eleganti negozi, in cui soffermarsi a mangiare qualche prodotto locale dopo un'intensa giornata passata sulle spiagge di Baratti. Nella pianura sottostante la Rocca si apre il golfo di Baratti, qui le testimonianze archeologiche si perdono a vista d'occhio e si spingono fino al mare.


Golfo di Baratti


Porticciolo di Baratti


Il Parco costiero di Rimigliano

L'ampio bosco di pini marittimi, querce e lecci protegge le incantevoli spiagge dorate. La vegetazione mediterranea si mostra in un'eccezionale varietà di specie, forme e colori. Dalla sabbia alle dune, dove la macchia è modellata da venti marini, all'ombrosa foresta dominata da lecci e pini domestici, con la loro caratteristica chioma ad ombrello. Gli spazi ampi e i comodi parcheggi permettono a tutti di poter godere dello splendido mare in piena serenità, rilassandosi nella quiete più totale. Il parco gode di condizioni climatiche estremamente favorevoli: la presenza del complesso collinare di Monte Calvi, a est, protegge la costa dai freschi venti di terra, mentre il promontorio di Piombino, a sud, e l'Isola d'Elba, a ovest, mitigano la forza dei venti marini. Così il caldo estivo è mitigato dalla presenza costante delle brezze marine. La spiaggia, è attrezzata con docce e servizi dislocati in punti specifici; offre l'opportunità di un'esperienza balneare in completa immersione con la natura, con lo sguardo che spazia sul verde del promontorio.


Il Parco costiero della Sterpaia

Una preziosa e rara foresta umida, tipica dell'antico paesaggio litoraneo della Maremma, protegge le splendide spiagge bianche. Un ambiente incantato dove perdersi tra querce secolari, in compagnia dei piccoli animali che lo abitano, fino a scoprire, al di là delle dune sabbiose, il mare.

Il Parco si estende lungo il litorale costiero tirrenico livornese, nell'ampio Golfo tra Piombino e Follonica. Il mare è cristallino, con sabbia chiara, fine e delimitata da una stretta duna. Il suo profilo è scandito da diverse torri medievali.

Le strade che portano agli accessi al parco e alle spiagge si dipartono dalla strada cosiddetta geodetica, che collega Piombino a Riotorto; un articolato sistema di parcheggi permette a tutti di fruire della bellezza del posto in piena comodità.


Il Parco nazionale dell'Arcipelago Toscano

Davanti alle coste su cui si affaccia Campiglia marittima si trovano le sette meravigliose isole dell'arcipelago Toscano: Gorgona, Capraia, Elba, Pianosa, Montecristo, Giglio e Giannutri. Isole dalle superbe spiagge naturali ed incontaminate. Grazie a suggestive escursioni in barche si possono raggiungere, inoltre, cale e secche nascoste o esplorare i fondali marini. Sette gioielli, Sette perle tutte diverse, ricche di storia, di profumi e sapori.


La valle del Diavolo

L'area geotermica dista meno di 40 minuti di auto da Campiglia. Quest'area è affascinante, suggestiva: bianche colonne di vapore si sprigionano dal terreno, le torri delle centrali geotermiche, il persistente sentore di zolfo, la vallata assume un aspetto infernale, tanto che da secoli è chiamata "Valle del Diavolo". Le emanazioni naturali che possono raggiungere una temperatura di 160° si posso ammirare nei comuni di Larderello, Sasso Pisano, Monterotondo Marittimo e Montecerboli. Lo spettacolo è di quelli che difficilmente verranno dimenticati; e allo stesso tempo comprenderete perchè proprio qui Dante Alighieri trovò l'ispirazione per descrivere alcuni passi dell'inferno.


L'abbazia di San Galgano e la leggenda della Spada nella Roccia

Nei dintorni di Campiglia Marittima, immerso tra le colline della Maremma, si erge l'Eremo di Montesiepi e la grande Abbazia cistercense di San Galgano. Qui San Galgano visse e qui la famosa Spada nella roccia diede vita alla leggenda dei cavalieri della Tavola Rotonda e del Sacro Graal.


Massa Marittima e Volterra

A 30 minuti dal centro di Campiglia, ma in direzioni opposte, si possono visitare due stupende città, rinomate in tutto il mondo per la loro bellezza. Massa Marittima sorge sulle "colline metallifere", note fin dall'antichità per l'abbondanza di metalli nel sottosuolo. La cittadina è rinomata in tutto il mondo per la sua bellissima piazza Garibaldi, su cui si affacciano sia il Duomo, sia il Palazzo dei Priori e del Comune. Il centro è un'opera di unica bellezza, in stile romanico gotico, a ragion veduta è considerata tra le piazze più belle d'Italia.

La città di Volterra è celebre per la lavorazione dell'alabastro. Visitandola ci si accorge di come tutto sia rimasto inalterato nel tempo. Il centro storico di origine etrusca, le rovine romane dell'antico teatro e gli edifici medievali come la cattedrale ed il Palazzo dei Priori. Gabriele d'Annunzio la definiva la città del vento e del macigno. Luchino Visconti l'ha dipinta con toni cupi e maestosi nel suo film "Le vaghe stelle dell'Orsa". Il fascino di questa città è senza tempo.